Bologna, "La piadina è troppo fredda" Botte al venditore che finisce in coma

Hanno litigato per una piadina che, secondo il ragazzo, era fredda: il venditore, strattonato, è caduto battendo la testa e ora è in coma<br />

Bologna - Hanno litigato per una piadina che, secondo il ragazzo, era fredda: il venditore, strattonato, è caduto battendo la testa e ora è in coma. È successo a Bologna, nella notte tra sabato e domenica in via Mattei, attorno alle tre e mezzo dopo una notte in discoteca. Due ragazzi di 20 e 26 anni, dopo essere usciti dalla discoteca - riporta Il Corriere nell’edizione di Bologna - sono andati nel chiosco di panini gestito da un bolognese di 49 anni per mangiare una piadina che, a dire di uno dei due ragazzi, era fredda. Da lì una discussione, l`ambulante avrebbe strattonato il ventenne e l’amico per difenderlo avrebbe dato una spinta al commerciante che sarebbe caduto a terra sbattendo la testa. All'arrivo dell’ambulanza e della polizia il commerciante non ha voluto sporgere denuncia. Poi però, dopo mezz'ora, è arrivato il figlio dell`uomo che ha portato all`ospedale Sant'Orsola dove gli è stato riscontrato un ematoma alla testa e disposto il ricovero. Il giorno dopo le sue condizioni sono peggiorate ed è stato trasportato al Maggiore. Ora è in coma nel reparto di rianimazione e in prognosi riservata. La famiglia dell`ambulante, attraverso il proprio legale, invita la Procura a «rivalutare la posizione dei due, anche alla luce di due fratture alla mandibola e a una costola".