Bologna, stop a Ravenna Il Chievo lo raggiunge

È finita a Ravenna la fuga del Bologna, raggiunto in vetta dal Chievo (vince su papera del portiere Calderoni). Alle spalle un’altra coppia: Pisa (super Cerci) e Lecce (Triestina battuta al 90’), ora a una lunghezza. Occasione perduta dal Bologna, incapace di sfruttare i 32 punti di differenza in classifica e la superiorità numerica per 82 minuti nonché il vantaggio psicologico di un rigore assai dubbio. Protagonisti molti arbitri: a Ravenna contestato il bergamasco Mazzoleni per l’espulsione di Iuliano (giusta) e soprattutto per il rigore tutt’altro che limpido fischiato ad azione finita. Girardi è il rigorista di giornata: ne ha fischiati tre (due al Piacenza e uno al Brescia). Doppio dischetto di Gervasoni a favore del Grosseto, Graffiedi realizza il primo e anche il secondo che però viene ripetuto per la solita invasione dei giocatori nell’area: sulla ribattuta il portiere Coser salva il pareggio dell’Albinoleffe. Significativo il successo del Brescia al Garilli, il pacchetto play-off marcia compatto. Perde strada invece il Mantova, battuto a Messina: ora il Rimini (3-0 con l’Ascoli) è più vicino.