Bolt sotto choc: «Ma nei 200 sarete orgogliosi»

Daegu «Devo solo guardare avanti, non c’è motivo di soffermarsi sul passato. Sono in buona forma, farò del mio meglio per rendervi orgogliosi di me». Dopo lo choc della squalifica nella finale dei 100 m., Usain Bolt cercherà riscatto nei 200 m. e nella staffetta 4x100. Lo ha raccontato in un comunicato: «Voglio congratularmi con Blake e gli atleti che hanno vinto medaglie. Sono molto deluso, mi sentivo in forma ed ero pronto a correre veloce». Intanto Seb Coe, vicepresidente della Iaaf, ha negato la revisione della regola sulle false partenze. «Non c’è alcun motivo per discuterne ora». Tyson Gay, sprinter Usa fermo per infortunio, non è d’accordo. «Per noi velocisti la regola è penalizzante. Basta un movimento impercettibile che vedi nel tuo vicino e sei spinto a partire». I video mostrano infatti un movimento impercettibile di Blake.