«A Bolzaneto no, abbiamo nemici»

Gli zingari vogliono scegliere anche la zona dove risiedere. Tra i motivi di «rivolta» all’offerta fatta dal Comune c’è anche quella di alcune famiglie che erano state destinate ad alloggi nella zona di Bolzaneto. Case accoglienti e adeguate alle dimensioni del nucleo. Ma a far storcere il naso ai rom erano stati i nuovi «vicini». A Bolzaneto infatti esiste un campo di zingari piemontesi, con i quali i nomadi della Foce non hanno mai avuto buoni rapporti. La sistemazione in alloggi di edilizia popolare sono stati così rifiutati.
Una scelta che ha costretto tecnici e funzionari del Comune a cercare altre sistemazioni all’interno di un patrimonio immobiliare che finora era stato considerato insufficiente a trovare una sistemazione per circa 1.500 famiglie di genovesi che da anni attendono in graduatoria. Per lo spostamento degli zingari, invece, c’è anche la possibilità di scegliere la zona più gradita ai nuovi inquilini (a titolo gratuito) del Comune.