Bolzano, bimbo precipita con la teleferica e muore

Benjamin, cinque anni, il più piccolo di quattro fratelli, figli di una famiglia che gestisce un'azienda agricola a Silandro, in Val Venosta, ha perso la vita. Giocava sull'impianto, si è sbloccato il freno della cabina e si è schiantato contro un muro

Bolzano - Un bambino di cinque anni è morto precipitando da una funivia per il trasporto di materiali agricoli. Il piccolo stava giocando sul carrello di questo impianto, a quota 1.700 sulla montagna sopra Silandro. Improvvisamente il carrello ha cominciato a scendere e la corsa si è arrestata solo contro un pilone di cemento. Il piccolo è morto all’istante. Vittima dell’incidente Benjamin, il più piccolo di quattro fratelli che abitano in un’azienda agricola di montagna. Il bambino giocava seduto sul carrello della teleferica adibita al trasporto di materiali agricoli che serviva il maso dei genitori, il "Kopfanegg", situato a 1.700 metri di quota nel comune di Silandro, in val Venosta.

Freno sbloccato e schianto Per una "tragica fatalità" - hanno riferito i carabinieri subito intervenuti sul posto dell’incidente - il freno della teleferica si è sbloccato ed il bambino è precipitato a valle seduto nel carrello. A fine corsa il bambino ha sbattuto violentemente contro un muro di cemento. Inutile è stata la corsa dei genitori che - visto il pericolo - si sono precipitati a valle con la loro auto. Hanno solo potuto constatare che Benjamin era morto sul colpo. Gli impianti a fune delle le aziende agricole sono molto comuni in Alto Adige. Vengono usati principalmente per raggiungere località molto impervie, dove le strade sono difficili da percorrere e trasportano il legname, il fieno, il latte e le derrate alimentari.