La bomba di Hitler e i tormenti di uno scienziato

Nel celebre film Notorious (1947) di Alfred Hitchcock l'agente Cary Grant scopre che le spie tedesche a Rio de Janeiro contrabbandano polvere di uranio. Così veniva perpetuato il mistero dell'«arma finale» nazista. A capo del progetto c'era Werner Heisenberg, già Premio Nobel e convinto, come Einstein, che la Fisica avesse ormai rottamato il materialismo. Il padre del principio di indeterminazione e della meccanica quantistica leggeva perciò volentieri Platone e san Tommaso d'Aquino. Poteva davvero costruire l'atomica hitleriana o, invece, fu lui a boicottarla?

Rino Cammilleri