Bomba a Mosul, uccisi 5 soldati Usa

Prima l'esplosione di una bomba al passaggio della pattuglio, poi il fuoco con le armi automatiche. E il governo di Bagdad prepara l'offensiva contro gli uomini di al Qaida a Mosul

Bagdad - Cinque soldati americani sono rimasti uccisi quando la loro pattuglia è stata colpita da una bomba piazzata lungo la strada e dal fuoco di armi di piccolo calibro a Mosul, nel nord dell’Iraq, dicono i militari americani. La polizia e l’esercito iracheni riferiscono anche che degli scontri si sono verificati nel quartiere di Haysuma, nota roccaforte di al Qaida nella parte est di Mosul, terza città del Paese 390 chilometri a nord di Baghdad. La scorsa settimana il capoluogo della provincia era stato insanguinato da un attentato suicida che aveva provocato circa 40 morti.

Bagdad prepara l'offensiva contro al Qaida a Mosul Il governo iracheno di Nuri al-Maliki si sta preparando a combattere la battaglia decisiva contro al Qaida nella città settentrionale di Mosul. Secondo il giornale arabo al-Hayat, l’esercito iracheno si sta concentrando in questa zona ammassando truppe e carri armati per sgominare le ultime cellule terroristiche costrette a lasciare le province sunnite di al-Anbar e Diyala dai "Consigli del Risveglio". "La situazione a Mosul è peggiore di quello che si pensi - ha affermato il ministro della Difesa Abdel Qader al-Abidi - la battaglia che stiamo preparando sarà l’ultima e quella decisiva". A convincere il governo della necessità di arrivare allo scontro finale con i terroristi è stata la deflagrazione avvenuta mercoledì scorso a Mosul che ha causato la morte di 40 persone e il ferimento di altri 200. Sembra che l’esplosione di un ordigno piazzato sul ciglio della strada abbia causato la deflagrazione di un deposito di armi e bombe nascosto in un palazzo abitato da civili. I seguaci di Osama Bin Laden non hanno mai rivendicato l’esplosione, mentre il Consiglio degli Ulema sunniti accusa i soldati americani di coinvolgimento nella vicenda, mentre i gruppi armati sunniti sostengono sia colpa delle milizie curde Peshmerga.