Bombassei: «Anch’io tra i candidati»

da Roma

«Il mio, come tanti altri, è uno dei nomi, vediamo cosa succederà». Alberto Bombassei ha confermato la sua candidatura al vertice di Confindustria. «Tutti i vicepresidenti - ha ironizzato - aspirano a fare il presidente». Un’uscita accolta con favore dal presidente in carica Luca Cordero di Montezemolo: «Mi fa solo piacere, perché è una persona che stimo».
L’altro nome per la guida di viale dell’Astronomia rimane quello di Emma Marcegaglia che per il momento è la candidatura più forte. Ma negli ambienti degli industriali non si esclude un terzo candidato. Ipotesi per il momento slegata da un nome e da una linea, visto che si è parlato di rappresentanti della confederazione che incarnano quella parte di imprenditoria che è più lontana dal governo Prodi, come Diana Bracco o Giorgio Squinzi, ma anche di candidati vicini all’attuale presidente Luca Cordero di Montezemolo, come Andrea Moltrasio. La stessa uscita di Bombassei potrebbe essere interpretata come un modo di accreditarsi come il candidato vicino a Montezemolo. I giochi sono aperti. E non si chiuderanno almeno fino a gennaio.