Bombe in India, 13 morti

Gli attentati sono stati compiuti a Benares, Lucknow e Faizabad, nello stato dell'Uttar Pradesh, il più popoloso della federazione. Presi di mira i palazzi di giustizia. Diverse decine i feriti. La pista dell'integralismo islamico<br />

Nuova Delhi - Sono cinque le bombe esplose quasi simultaneamente in Uttar Pradesh, nelle città di Benares, Lucknow e Faizabad, provocando la morte di almeno 13 persone e il ferimento di59. Tre gli ordigni esplosi a Benares, due a Lucknow e uno a Faizabad c Ndtv hanno provocato sette vittime a Benares (tra cui un bambino di undici anni) e cinque a Faziabad. A Lucknow non ci sarebbero stati decessi ma ci sono numerosi feriti. Tutti e cinque gli ordini sono esplosi tra le 13 e le 13.30 ora locale a distanza di pochi minuti l’uno dall’altro. A Benares l’esplosione è avvenuta all’interno del tribunale locale, nei pressi dell’ufficio di un avvocato. Sia a Lucknow che a Faizabad le esplosioni sono avvenuta nei pressi del tribunale locale e l’esplosivo è stato piazzato su delle biciclette.

Il governo: "E' una cospirazione" "Una cosa è chiara - ha detto il sottosegretario del ministero dell’Interno dell’Uttar Pradesh, Sriprakash Jaiswal - e cioè che si tratta di una cospirazione. Non sappiamo ancora chi siano i mandanti ma è chiaro che l’intenzione è quella di disturbare l’armonia comune. L’Uttar Pradesh è uno stato molto grande e purtroppo qualche carenza nei controlli può capitare".

Rivendicazione islamica Secondo quanto riportato dalla televisione indiana Ndtv un gruppo di militanti chiamato "Indian Mujahideen" avrebbe rivendicato la responsabilità per gli attentati inviando un messaggio via posta elettronica al canale locale "India Tv" fornendo dettagli delle esplosioni cinque minuti prima che esse effettivamente avvenissero. La e-mail sarebbe stata inviata da un indirizzo francese. La polizia sta verificando l’attendibilità della rivendicazione, non tralasciando le altre piste. Una delle quali potrebbe essere che gli attentati di oggi sono un atto di rappresaglia da parte dell’organizzazione Jaish-e-Mohammed, di cui tre membri sono stati arrestati lo scorso 16 novembre proprio in Uttar Pradesh,a Lucknow, perchè accusati di aver tentato di rapire Rahul Gandhi.

Avvocati nel mirino Gli investigatori ritengono inoltre che le bombe siano state fatte esplodere per colpire proprio gli avvocati che in diverse occasioni si sono rifiutati di difendere sospetti militanti terroristi. Nel marzo del 2006 una triplice esplosione nella città di Benares provocò la morte di 23 persone. L’attentato fu attribuito ad un gruppo terrorista islamico.