Il bon ton è il golfino di Audrey Hepburn

da Milano

Le prime sono arrivate a Nicole Kidman e a Keira Knightley. E ora per le 100 super borse di Ballantyne c’è da fare la coda. La Diamond Bag (3.000 euro per un pezzo fatto a mano in un intreccio di pelle preziosa), attesa per giugno quando aprirà il monomarca milanese di via S. Andrea, è già in delirio di prenotazione. Nell’attesa non mancano i pezzi da sogno da Ballantyne, coccole di cashmere come la tuta o la maglia con maniche a pipistrello da mettere sopra i leggings. O come un elegantissimo cappotto di velluto con alti polsi doppi di cashmere e collo di volpe tono su tono o le sete finite nelle gonne, nei foulard e nelle fodere stampate con vecchi disegni, omaggio a Audrey Hepburn che ancora oggi insegna il bel vestire. E che da Ballantyne ordinava i golfini su misura. Uno stile indimenticabile che ispira anche Normaluisa, fantastica stilista senza volto. Il suo bon ton è cantato da modelle-cantanti-amiche che si sono prestate al gioco di indossare abiti, trench, giacche a trapezio o a palloncino. Piccoli pezzi preziosi dalla cura sartoriale. Da avere.