Bonaiuti: "Il Cavaliere non andrà alle consultazioni"

Il capo dell'opposizione Silvio
Berlusconi non parteciperà alle consultazioni sulla legge elettorale a cui è stato
invitato dal premier Romano Prodi. Lo afferma il portavoce del leader di Forza Italia
Paolo Bonaiuti

Milano - Il capo dell'opposizione Silvio Berlusconi non parteciperà alle consultazioni sulla legge elettorale a cui è stato invitato dal premier Romano Prodi. Lo afferma il portavoce del leader di Forza Italia Paolo Bonaiuti a margine della presentazione del bilancio 2007 del Comune di Milano. Alla domanda sul perché Berlusconi, secondo indiscrezioni, avrebbe rifiutato l'invito a consultarsi sulla legge elettorale, Bonaiuti replica: «Perché si tratta di un giro di consultazioni a livello di capigruppo e noi ci andremo con i capigruppo Vito e Schifani. Del resto già oggi c'è andato il capogruppo della Lega».

Bonaiuti ha ribadito la posizione di Forza Italia sulla riforma della legge elettorale: «La nostra posizione è molto semplice. La legge attuale, con alcune modifiche convenienti e veloci, può andare bene: bisogna prendere quella che è l'attribuzione dei seggi al Senato che è stata fatta su scala regionale e trasferirla su scala nazionale. A questo punto il sistema può funzionare». Secondo il portavoce di Berlusconi «in due tre mesi si possono fare queste riforme dal momento che non occorrono riforme costituzionali e tra quattro, cinque mesi si può andare a votare».