Bonaiuti: "Veltroni da solo? No, si accorderà con la sinistra"

Il portavoce di Berlusconi: "Al Senato dovranno fare accordi e desistenza con la sinistra perché nelle regioni rosse il Pd perderebbe"

Roma - "C'è una grande bugia al fondo della dichiarata volontà di Veltroni di voler correre da solo: questo lo possono fare alla Camera, ma al Senato sanno benissimo che in regioni rosse, come Toscana ed Emilia, ad esempio, se il Pd non fa un accordo con l'altra sinistra perde. Quindi dicono: andiamo da soli, ma in realtà tratteranno sottobanco una serie di accordicchi, accordi tecnici e desistenzine. La soluzione, però, è sempre quella: non corrono da soli, perché per vincere hanno bisogno della sinistra estrema". Paolo Bonaiuti, portavoce di Silvio Berlusconi, intervistato da Gr Parlamento Rai, non ha dubbi sullo scenario delle alleanze nel centrosinistra: il Pd non può correre da solo perché perderebbe le lezioni.

"Campagna elettorale propositiva" Quanto ai temi che ora saranno al centro della campagna elettorale, Boniauti assicura che il centrodestra cercherà di fare "una campagna elettorale tranquilla e propositiva". "Pensiamo di portare 10-12 punti fondamentali, che riguardano la gente, i giovani, gli anziani, i cittadini, il problema dei prezzi, il problema della casa". "Su questo - dice - occorre raggiungere un'intesa preventiva fra tutte le forze della coalizione, mettersi d'accordo prima, presentare dei veri e propri disegni di legge, in modo tale che, non appena sono finite le elezioni e si forma il governo, se il centrodestra risulterà vincitore, a quel punto partono questi disegni di legge con scadenze precise in Parlamento, al Senato e alla Camera". "Molta concretezza, dunque: non più - conclude Bonaiuti - le 283 pagine di programma mai realizzato da parte dell`Unione, ma una decina di provvedimenti già pronti per essere in viaggio velocemente in Parlamento».