Boni «I lavoratori non sono merce da trasportare»

La Lega spinge sulla Regione per risolvere i disagi dei pendolari: «Non garantire dei mezzi di trasporto adeguati e puntuali ai lombardi che ogni giorno usufruiscono dei mezzi pubblici - ha detto ieri Davide Boni, capodelegazione in giunta del “Carroccio” - significa penalizzare una vasta fetta della popolazione, che ha tutte le ragioni per sentirsi non tutelata di fronte ad un servizio che negli ultimi tempi è diventato sempre più scadente». Secondo Boni Trenitalia dovrebbe «pensare seriamente ai deficit accumulati»: «Attendere ormai quotidianamente per ore dei treni, vedendoli scomparire uno ad uno dai tabelloni delle stazioni, non è certo indice di serietà e competenza». «I pendolari - ha concluso - non devono essere trattati come merce da trasportare da un treno all’altro a distanza di ore con un pressappochismo che se ne infischia delle esigenze lavorative».