Bonomi: «Nessuna retromarcia sulla richiesta di risarcimento»

«Non ritireremo la causa perché al di là del recupero anticipato dei volumi di traffico siamo di fronte a una tipologia di traffico diverso. Che, quindi, genera minori flussi di cassa». Giuseppe Bonomi, presidente di Sea. Infatti, gli 1,25 miliardi di risarcimento danni reclamati dalla società che gestisce Malpensa sono stati calcolati sulla base della differenza dei flussi di cassa generati da Alitalia come hub carrier e Malpensa come scalo point-to-point. Ma Letizia Moratti, sindaco di Milano, fa sapere che il ritiro del ricorso «dipende da quali decisioni prenderà il governo: noi continueremo a chiedere la liberalizzazione del mercato perché si stringano accordi bilaterali che consentano a Malpensa di essere connesso agli scali del mondo».
\