Boom di Dea Capital: +9%

Piazza Affari sotto pressione ha registrato una riunione negativa, con una flessione degli indici principali intorno all’1%. Con il ribasso di ieri la variazione negativa del mese supera il 5%, annullando così la performance realizzata nelle prime settimane dell’anno in corso; mentre gli scambi stanno lentamente declinando, sotto i sei miliardi di controvalore. Il listino è stato trascinato dalle vicende che hanno interessato il settore telefonico e il titolo Benetton. L’ondata di realizzi non ha risparmiato il comparto bancario, soprattutto per quanto riguarda le «popolari». Fastweb si è rafforzata dopo l’impennata di lunedi. In primo piano anche i risultati aziendali del 2006, che incominciano ad affluire: tra i titoli interessati Seat arretra di oltre il 2%, mentre tra le performance di ieri da registrare quelle di Fidia (più 18%) e Dea, l’ex Cdb Web Tech, che balza del 9,3 per cento.