Boom degli occupati: mai così tanti negli ultimi vent'anni

La Val Passiria beneficia di una crescita occupazionale che investe tutto il Sudtirolo. Presentando i dati relativi al mercato del lavoro nei sei mesi tra novembre 2017 e aprile 2018, l'assessore provinciale Martha Stocker ha detto che si tratta di percentuali di crescita «mai registrate negli ultimi 20 anni». L'Alto Adige è dunque a livelli ben più alti di quelli precedenti la crisi del 2018.

L'occupazione nel semestre è aumentata del 3,7 per cento, con punte dell'8,5 per il settore alberghiero e del 5,5 per l'edilizia, settore che per anni è stato caratterizzato da numeri negativi. La disoccupazione ha fatto segnare un 2,7 per cento in media nei due trimestri contro un 3,5 dell'anno scorso, che comunque rientra in un ambito fisiologico. Nello stesso periodo questo valore in Tirolo era pari al 3,3 per cento, in Trentino al 5,7 e in Italia all'11,2. Il tasso di occupazione, viceversa, ha raggiunto il 78,4 per cento, un livello mai registrato in Alto Adige, molto vicino all'obiettivo dell'80 per cento auspicato per il 2020.

In media il numero di persone senza occupazione iscritte nelle liste dei centri di mediazione lavoro nel semestre considerato si attesta sulle 15.949 unità: realmente in cerca di lavoro e immediatamente collocabili sono solo in 5.634, il 6 per cento in meno (358) rispetto a 12 mesi prima. Gran parte dei nuovi contratti di lavoro è a tempo determinato; sulla base dell'esperienza, circa il 90 per cento di questi contratti viene trasformato in rapporti di lavoro a tempo indeterminato nell'arco di pochi anni.

SFil