Boom di richieste Asili nido privati triplicano in 5 anni

Gli asili nido privati, negli ultimi 5 anni, hanno conosciuto un vero e proprio boom: in città sono triplicati (da 50 a 150). Ma avviare un'impresa con i requisiti strutturali ed educativi idonei comporta investimenti iniziali onerosi: almeno 120.000 euro. Nella provincia di Milano sono operative 290 aziende per più di 1.200 addetti. A Milano sono 4.000 i bambini ospitati negli asili nido privati (diventano circa 11.000 con gli asili nido pubblici).
E i costi? A Milano conviene di più portare il bambino piccolo all'asilo nido o piuttosto lasciarlo con la bambinaia? Il confronto dei costi è decisamente a favore dell'asilo nido: 7-8 ore al giorno in un asilo nido ben strutturato costano in media dai 550 ai 600 euro al mese (comprensivi dei pasti). La classica «tata», invece, almeno un migliaio di euro. È quanto emerge da un'indagine dell'Unione del Commercio
Per dare un riferimento di qualità all'utenza, le imprese più consolidate del settore hanno costituito una nuova associazione: Assonidi (aderente all'Unione del Commercio di Milano). Presidente nazionale è Donatella De Gaetano, presidente provinciale è Giuseppe Bilancioni.
«Assonidi punta decisamente ad evidenziare la qualità imprenditoriale dell'offerta. Noi - afferma Donatella De Gaetano - riteniamo che gli utenti debbano essere ben informati sui requisiti strutturali e di qualità educativa che un asilo nido deve fornire: per questo, come prime iniziative, prepareremo un vademecum di orientamento per i genitori e stiamo pensando a un progetto di marchio di qualità: un bollino blu per gli asili nido». Assonidi rileva l'importanza della convenzione con il Comune in virtù della quale le strutture convenzionate mettono a disposizione circa 400 posti, abbattendo così la lista d'attesa pubblica. Il fatturato medio annuo complessivo del settore è stimato in oltre 50 milioni di euro.

Annunci

Altri articoli