Boom del turismo sacro Raddoppiate le presenze

Monasteri e antiche abbazie, eremi e conventi, il turismo religioso è sempre più gettonato dagli italiani e non solo. Sono un milione e 300mila i pellegrini che passeranno anche quest'anno il periodo pasquale in un luogo della tradizione cristiana, il 6% in più della media degli ultimi anni che si stimava fosse intorno a un milione e 100mila. E anche i 2.058 santuari rappresentano una meta favorita, destinazione ogni anno di 14 milioni di persone. A dirlo sono i dati raccolti dall'Osservatorio turistico di Telefono blu. Il mese di aprile rappresenta da sempre il momento topico per questi luoghi: un turista su tre che frequenta nel corso dell'anno le strutture religiose le sceglie in questo periodo. Fra le destinazioni preferite nel periodo di Pasqua, prime fra tutte la Basilica del Santo a Padova con 600mila pellegrini su un totale di 4 milioni e mezzo di visitatori all'anno e i luoghi di Padre Pio a San Giovanni Rotondo, anche qui con 600mila pellegrini su 9 milioni. Seguono il Santuario di Loreto con 500mila su 4 milioni e mezzo in un anno, San Francesco ad Assisi con 400mila su 6 milioni. Il settore registra una crescita esponenziale: negli ultimi 5 anni di fatto sono raddoppiate le presenze.