Bornacin e Plinio presentano da An l’associazione culturale che ispira il Pdl

Per non perdere una identità, per continuare ad avere un ruolo culturale, per essere portatori di idee nel nuovo soggetto politico. Con queste finalità nasce a Genova «Anabasis» la prima associazione culturale che vuole essere organica al Popolo della libertà. Da non confondere con i Circoli della libertà, la nuova realtà culturale nasce con uno spunto preciso: «Vogliamo essere per il centrodestra quello che il Maestrale (l’organizzazione creata nel 2005 da Claudio Burlando ndr) - ricorda il senatore Giorgio Bornacin- è per la sinistra nella nostra terra». Proprio Giorgio Bornacin è l’ispiratore di questa macchina che vuol già cominciare a correre senza obiettivi precisi se non quello di avere una funzione di stimolo per il Pdl ligure. A farne parte, per ora, sono una quindicina di iscritti ad An e il braccio destro di Bornacin sarà il capogruppo regionale di Alleanza Nazionale Gianni Plinio. «In questo nuovo partito non c’è l’annessione di un’idea sull’altra. La realtà della destra è una componente del futuro partito: noi che proveniamo da questa realtà abbiamo una identità ben precisa ed entriamo a testa alta nel Popolo della libertà».
Non è un caso che Anabasis, dal greco «andare avanti» nasca proprio nei giorni in cui Forza Italia e An stiano concludendo i percorsi che li portano al loro scioglimento. «Sia chiaro che questa esperienza non è preclusa a nessuno- sottolinea Bornacin-. È vero che l’adesione all’associazione al momento è solo di persone che arrivano dall’esperienza di An ma le nostre iniziative si rivolgono soprattutto a chi dalla politica preferisce stare lontano».
Tra le prime iniziative che Plinio ha elencato ci saranno una serie di incontri con i ministri del governo che sbarcheranno in Liguria. Ci sarà il ministro della cultura Sandro Biondi, il ministro per le politiche giovanili Giorgia Meloni ed il ministro della funzione pubblica Renato Brunetta.