Bornacin: «Subito la gronda»

«Deve essere il caldo a giocare certi scherzi! Mi riferisco alle dichiarazioni dei colleghi parlamentari Longhi, Pedrini e Nan: per Genova e per l'intero traffico autostradale ligure è essenziale attuare nel più breve tempo possibile il tracciato della 'grondà, senza ipotizzare ulteriori modifiche e, quindi, ritardi». Lo afferma il senatore di An Giorgio Bornacin dopo le dichiarazioni circa lo spostamento del tracciato della cosiddetta «gronda» genovese avanzate dai parlamentari Aleandro Longhi (DS), Egidio Pedrini (Italia dei Valori), Enrico Nan (FI) e smentite dal presidente della Regione Claudio Burlando.
Bornacin, già vicepresidente della Commissione Trasporti della Camera, afferma: «Trovo che il Presidente della Regione Claudio Burlando abbia assolutamente ragione nel sostenere il progetto attuale e nel volerlo portare a compimento nel minor tempo possibile. Peccato, però, che proprio lui abbia tirato in ballo i conti del Governo Berlusconi, quando nei primi anni Novanta, allorchè ricopriva la carica di Sindaco di Genova, per negligenza sua e della classe politica che rappresentava, aveva perso il finanziamento dei lavori».
Del resto non è la prima volta che l’amministrazione regionale di centrosinistra cerca di scaricare colpe sui governi precedenti, sia quello nazionale che quello ligure.
Basti pensare al misterioso buco nel bilancio della sanità, mai ammesso da Biasotti. E la polemica è servita per ridurre drasticamente i posti letto negli ospedali e per pianificare la chiusura di ospedali locali.