Per Borriello niente Catania

Per Borriello niente Catania. L’attaccante del Genoa che si era infortunato pochi giorni prima della partita inaugurale col Milan dovrà saltare anche la trasferta in Sicilia in programma domenica a causa di uno stiramento. Al giocatore che si è sottoposto ad un esame ecografico è stata riscontrata una lesione muscolare alla coscia destra che lo mette fuori gioco per altri quindici giorni. Borriello potrà rientrare, dopo la sosta per la nazionale, il 16 settembre in occasione del match interno contro il Livorno.
Un problema in piu’ per Gasperini che oltre alle defezioni di Coppola e Bovo deve incassare questo forfeit in vista di un match molto delicato sotto parecchi punti di vista.
A Catania, infatti, stanno preparando il ritorno al “Massimino” della formazione rossoazzurra dopo i tragici fatti del 2 febbraio scorso culminati con l’omicidio dell’ispettore Raciti da parte della follia ultrà e come se non bastasse ad elettrizzare l’ambiente ci si è messo anche il tecnico di casa Baldini che domenica scorsa ha rifilato un clamoroso calcio nel sedere al suo collega del Parma Di Carlo. E quel gesto è costato a Baldini uno stop di un mese, squalifica fino al 30 settembre, e quindi col Genoa non sarà in panchina, sostituito dal suo secondo Atzori. Dopo sette mesi di esilio il Catania troverà così i suoi tifosi che vorranno spingere una squadra orfana per cinque giornate di campionato del proprio tecnico, ma il Genoa dove cancellare l’opaca prestazione col Milan e l’eliminazione in Coppa Italia.
Gasperini ha voltato pagine e ha cominciato a pensare ai correttivi da portare in una formazione che ha subito troppi gol. Possibile il recupero di De Rosa, anche se Santos, non è dispiaciuto e per il resto è possibile un rimescolamento delle carte a centrocampo con il ritorno dal primo minuto di Fabiano sulla fascia sinistra e l’inserimento a centrocampo di Juric al posto di Paro. Sulla destra ballottaggio Rossi-Konko. In avanti ci sono molti interrogativi legati anche al mercato. Gasparetto potrebbe andare al Rimini in una trattativa che porterebbe il centrocampista Barusso a metà tra Roma e club romagnolo ma è un discorso non semplice anche perché il Rimini è vicino a Vantaggiato e, mentre dopo l’interessamento per Adailton, il Bologna sembra aver spostato le proprie attenzioni su Leon. Di Vaio e Papa Waigo dovrebbero conservare il posto, mentre per Figueroa i tempi sono ancora lunghi visto che dopo le prime partitelle estive l’argentino non ha giocato più un minuto dal Trofeo Spagnolo in avanti.
Sculli è in stand-by anche perché domani è in programma l’udienza della Caf in merito al caso di Crotone-Messina del 2002 e per il quale il giocatore ha già scontato otto mesi di squalifica, una pena che potrebbe essere inasprita anche se tutti quanti al Genoa sperano che questa brutta storia finisca qui.