Borriello-super trascina i rossoblù e schianta il muro dei bianconeri

Un Borriello davvero super, autore di una tripletta, schianta la resistenza dell’Udinese, anche se il risultato rimane in forse fino all’ultimo. Finisce 3-2, col Genoa ridotto in dieci. Nel primo tempo è il Grifone che vorresti vedere tutta la vita: veloce, aggressivo, spettacolare. L'Udinese che ha stordito la Juve diventa piccola piccola. Dicevamo, Borriello da applausi. In trenta minuti colpisce due legni e segna uno di quei gol da videoteca. Non solo lui, però. E tutto il Genoa che gira a mille. Forse il solo Paro, appare perduto a centrocampo. Ma conta il risultato finale. Nella ripresa arriva il raddoppio, poi l'espulsione di Rubinho e il gol di Asamoah complica i piani a Gasperini che deve rinunciare anche a Leon per fa entrare Scarpi. Ma quello di ieri sera è un Genoa da otto in pagella. Borriello è scatenato, si conquista anche un penalty che realizza. Ma il Genoa deve soffrire, perché una doppia carambola di Bega e De Rosa aiuta Pepe che conclude dalla distanza.
RUBINHO 6 - Recupera a tempo di record dopo l'infortunio nel derby. È sempre il solito Rubinho: quando si trova davanti Asamoah, s'inventa una paratissima. Ma nella ripresa si fa espellere per aver toccato il pallone fuori dall'area con le mani.
KONKO 6,5 - Per lui un ruolo inedito, sulla linea dei difensori posizionato sull'out destro. Non dispiace, anzi.
LUCARELLI 6,5 - Doveva partire dalla panchina, ma poi si ritrova in campo quando Fabiano si arrende dopo il riscaldamento. Un mastino che sbaglia pochissimo.
DE ROSA 6 - Finalmente si mette a disposizione dopo un inizio di campionato travagliato per gli infortuni. Grande personalità quando guida il reparto.
BOVO 7 - Deve fare il bis dopo l'ottima partita disputata con la Samp: Gasperini gli chiede la stessa attenzione e personalità.
SCULLI 6,5 - Deve fare il Marco Rossi sulla fascia destra, cioè grande movimento e velocità. Ci siamo, e quando può si presenta in zona tiro. (15' st BEGA 6 - Aiuta la difesa in un momento difficile).
PARO 6 - Non può sbagliare, deve dimostrare di essere in grado di poter dare il cambio a Milanetto. Non parte benissimo, soffre un po' troppo. Dovrebbe inventare, ma non riesce a trovare il ritmo.
JURIC 6 - Si sistema sulla linea mediana ed esegue molto bene il compito: spezza l'azione friulana e fa ripartire la manovra genoana.
DANILO 7 - Si piazza sulla fascia sinistra, deve dare qualità e quantità alla manovra rossoblu. Piace subito perché riesce ad inserirsi anche negli ultimi sedici metri, sfiora il gol nel primo tempo.
LEON 7,5 - Chiamato a gran voce domenica dal popolo rossoblu si ritrova in prima linea. Un paio di assist da applausi. Il genio è il suo mestiere. (4' st SCARPI 6 - Nulla può fare sul gol friulano)
BORRIELLO 8,5 - Dopo sette minuti un sinistro che fa tremare Handanovic, bravo a toccare la sfera che finisce poi sull'incrocio dei pali. Straordinario in occasione del gol, sfortunato quando colpisce la traversa subito dopo. Il bis e il tris nella ripresa. Incontenibile (42’ st PAPA WAIGO - sv) .
GASPERINI 7 - Fa scelte rischiose ma necessarie visti gli impegni ravvicinati. Ma la squadra risponde nel modo giusto, nel primo tempo è sicuramente il Genoa più bello della stagione.