In Borsa a Buenos Aires il 30% di Socotherm Argentina

Allo studio possibili acquisizioni in Francia e Germania

da Milano

La prevista quotazione a Buenos Aires della controllata argentina di Socotherm, che oggi si chiama Socoril ed è destinata a cambiare nome diventando Socotherm Americas, «riguarderà il 25-30% del capitale e servirà per proseguire diversi progetti in Alaska e in Canada».
A dichiararlo è stato ieri il presidente Zeno Soave, che presentando la società agli analisti ha annunciato che Socotherm «sta valutando piccole acquisizioni, non molto importanti, ma che possono diventare strategiche. In particolare - ha precisato - stiamo valutando, con Mediobanca come advisor, una società francese e la tedesca Europipe, grosso produttore di tubi che intende dimettere attività considerate non strategiche. Si tratta di due-tre operazioni del valore di 20-30 milioni da chiudere entro il semestre».
Socotherm, infine, guarda con interesse al progetto del cosiddetto «gasdotto del baltico» tra Russia e Germania con la partecipazione di Gazprom affiancata da Wintershall e E.On: «speriamo di vincere una parte del contratto. Si tratta - ha sottolineato il presidente - di cifre molto grosse».