Borsa cinica: il titolo vola

Quando la Borsa sale con impeto, i giornali scrivono che «festeggia». Ieri il titolo Pininfarina, con un cinismo che solo il denaro sa esprimere, ha strappato del 20%. Il mercato non guarda in faccia nessuno, non aspetta nemmeno i funerali. Scommette e basta. Fu così anche quando morì Enrico Cuccia, nel giugno del 2000: all’annuncio del decesso l’azione Mediobanca guadagnò il 6%, poi crebbe del 20% in cinque sedute. Oggi gli investitori puntano su nuovi assetti azionari per la Pininfarina. Gelidi e senza un requiem.