Le Borse europee in ripresa: chiudono in rialzo Bene piazza Affari che va sotto e poi recupera

Le principali pizze finanziarie del Vecchio Continente chiudono in rialzo. Piazza Affari su del 2,19%. Bene anche i titoli bancari, ma continuano ad accentuarsi le tensioni sui titoli di Stato in
attesa di una nuova asta di collocamento di Btp quinquennali

Milano - Dopo un'apertura altalenante Piazza Affari, chiude in rialzo e guadagna un sostanzioso 2,19%. Il Ftse It All-Share fa segnare un + il 1,87%. Bene anche le altre principali borse europee. Madrid +2,53%, Francoforte ha chiuso a +1,85%, Parigi +1,41%, Londra +0,87%. A Milano in luce i bancari con Ubi Banca a +8 per cento, Unicredit a +7,43 per cento, Intesa Sanpaolo a +6,34 per cento.

Vola lo spread tra Btp e Bund Intanto continuano ad accentuarsi le tensioni sui titoli di Stato dell’Italia, in attesa di una nuova asta di collocamento di Btp quinquennali. Tensioni che si evidenziano con aumenti dei rendimenti richiesti alle emissioni già in circolazione. Sulla principale scadenza di riferimento, 10 anni, i rendimenti dei Btp stamattina sono arrivati a raggiungere il 5,74 per cento e in questo modo ha segnato nuovi ampliamenti, in prossimità dei massimi storici, il differenziale di rendimento (spread) dei Btp rispetto alle emissioni equivalenti della Germania, i Bund, che invece nelle fasi di tensione vengono premiati da acquisti e vedono così i rendimenti calare. A fronte del 5,74 per cento dei bond italiani quelli della Germania offrono l’1,70 per cento, lo spread è così risalito a 404 punti base, sfondando la soglia psicologica dei 400 punti.