Borse, al Nasdaq i listini scandinavi

Dopo aver fallito per due volte la scalata al London Stock Exchange (Lse), il Nasdaq, la Borsa Usa dove vengono scambiati i titoli tecnologici, si rimette in pista, rilevando per 3,7 miliardi di dollari Omx, la società di gestione delle principali Borse scandinave e baltiche. L’accordo creerà il secondo operatore transatlantico del mondo dopo Euronext-Nyse. Il colosso avrà un valore di 7,1 miliardi di dollari. L’amministratore delegato del Nasdaq, Bob Greifeld, manterrà l’incarico, mentre quello di Omx, Magnus Bocker, sarà il numero due del nuovo gruppo. L’accordo potrebbe servire al Nasdaq per ripresentarsi davanti agli azionisti della Borsa di Londra da una posizione di maggiore forza.