Borse a picco, torna la paura

I timori legati a una crisi del mercato del credito negli Stati Uniti si propagano anche alle borse asiatiche, che chiudono con il segno meno davanti. Riapertura negativa in Europa: Milano è l'unica eccezione<br />

Milano - Le borse asiatiche crollano sulla scia di Wall Street, colpite dai nuovi timori per l’economia Usa. Il calo della fiducia dei consumatori americani, ai minimi da un anno, e il picco dei prezzi delle case negli Usa (-3,2%), il peggiore in venti anni, hanno fatto tornare la paura sui mercati frenando la fase di recupero. A Tokyo il Nikkei, pur riuscendo a rimanere di poco al di sopra della soglia psicologica dei 16.000 punti, ne ha comunque persi ben 274,66 pari all’1,69%, scendendo così a quota 16.012,83. Seul ha terminato la seduta con un ribasso del 3,12% mentre Hong Kong ha perso il 2,3% e Shanghai, dove le contrattazioni sono ancora aperte, ha ceduto finora l’ 1,91%. Taiwan ha registrato un calo dello 0,97% e Singapore , dove la seduta è ancora in corso, arretra di oltre l’1%.

Aprono in rosso anche le piazze europee A Milano l'indice Mibtel segna un calo dello 0,49%. Debole la partenza di Madrid, che perde lo 0,58%. Apertura in rosso anche per Londra, che segna un -0,63%. Avvio negativo anche a Parigi, fra le borse peggiori in apertura con un meno 0,79%. In calo anche Francoforte dove il Dax, dopo le prime battute, cede lo 0,80%. Milano è l'unica eccezione positiva.