Borse Ue a picco: bruciati 144 miliardi Bce taglia i tassi a 1,5%: minimo storico

È durato un solo giorno il rimbalzo
delle Borse europee: ribassi generalizzati su tutte le piazze. Piazza Affari precipita con gli indici ai
livelli di 13 anni fa in una seduta tutta negativa. Non fa alcun effetto la <strong><a href="/a.pic1?ID=333589">decisione della Bce di tagliare i tassi all'1,5%</a></strong>. Negli Stati Uniti <strong><a href="/a.pic1?ID=333585">General Motors verso la bancarotta</a></strong>: &quot;Dubbi sulla continuità&quot;

Milano - È durato un solo giorno il rimbalzo delle Borse europee, che oggi hanno subito un’ennesima batosta: bruciati altri 144 miliardi di capitalizzazione. L’indice Dj Stoxx 600, che fotografa l’andamento dei principali titoli quotati sulle borse del Vecchio Continente, ha perso il 3,6 per cento. A Parigi il Cac40 ha perso il 3,96%, a Francoforte il Dax il 5,02%, a Londra il Ftse100 il 3,18%, a Milano il Mibtel il 5,39%, a Madrid l’Ibex35 il 4,31%, ad Amsterdam l’Aex il 5,2%.

Il crollo dei mercati europei Ancora una giornata nerissima per le Borse europee, che hanno annullato il maxi rimbalzo di ieri, zavorrate dalla decisione della Bce di tagliare drasticamente le stime di crescita per il 2009 e dal tonfo a New York di General Motors, ormai sull’orlo del baratro. A Parigi il Cac40 ha perso il 3,96%, a Francoforte il Dax il 5,02%, a Londra il Ftse100 il 3,18%, a Milano il Mibtel il 5,39%, a Madrid l’Ibex35 il 4,31%, ad Amsterdam l’Aex il 5,2%. Più contenute le perdite a Zurigo dove lo Smi ha ceduto l’1,65%. Non è bastato a risollevare i listini il netto taglio dei tassi di interesse da parte della Bce all’1,5%, nuovo minimo storico. A gelare i mercati è stata una revisione al ribasso molto marcata sulle previsioni dell’istituto per l’economia dell’Unione monetaria: per quest’anno la Bce si attende infatti una recessione del Pil che si attesterà tra il 3,2 e il 2,2 per cento. A livello settoriale, i titoli assicurativi sono stati i più colpiti in scia al crollo a Londra di Aviva, il primo gruppo assicurativo britannico, che ha lasciato sul terreno il 33% dopo aver annunciato una perdita netta per il 2008 di 885 milioni di sterline (992 milioni di euro) dovuta a svalutazioni di asset. In scia Legal & General (-27,8%), Prudential (-18,8%), Allianz (-9,8%), Axa (-9%).

Piazza Affari in profondo rosso La Borsa precipita con gli indici ai livelli di 13 anni fa in una seduta tutta negativa, che si chiude con una perdita del 5,39% per il Mibtel, del 5,85% per l’S&P/Mib e oltre 720 milioni di azioni scambiate. Il mercato ha risentito, anche più degli altri europei e di Wall street, tutti comunque in forte calo, delle preoccupazioni per il futuro dell’economia espresse da Jean Claude Trichet che, dopo aver tagliato i tassi di un ulteriore 0,50%, non ha escluso ulteriori interventi. A peggiorare il clima è poi giunto l’allarme lanciato da General Motors sulla propria attività: a New York, i titoli del colosso Usa sono in calo del 15% e l’intero listino americano ne risente. Particolarmente sofferenti, in piazza Affari, i titoli delle banche e gli energetici: in particolare, nel finale sono stati sospesi Unicredit e Banco Popolare mentre salgono in controtendenza solo gli anticiclici Snam Rete Gas e Terna, oltre a Impregilo che recupera dopo il crollo di ieri.