Boscaiolo di 49 anni schiacciato dal furgone

Un uomo di 49 anni, piemontese, è morto ieri mattina a Mallare, in Valbormida, schiacciato dal suo camioncino mentre era intento a ripararlo. Ferruzzo Somà, la vittima, era titolare di una ditta di lavori forestali, dove lavorava insieme con i tre figli, ed era originario a Roccaforte di Mondovì.
Il decesso è avvenuto su un piazzale in località Ferriere, a Codevilla di Mallare. Secondo le prime informazioni raccolte grazie al personale sanitario della Asl 2 savonese, sembrerebbe che l’uomo stesse apprestandosi a sostituire l’asse posteriore del suo automezzo, un Fiat Iveco M90. La vittima si trovava a lato del mezzo e aveva puntellato il veicolo con un cric e alcuni ceppi di legno: improvvisamente a seguito di un cedimento di questi ceppi è stato travolto dal mezzo. Forse per un colpo fortissimo al capo o forse per un vero e proprio schiacciamento da parte dell’automezzo l’uomo ha riportato un gravissimo trauma cranico. Le dinamiche dell’incidente sono ancora oggetto di accertamento. Inutili i soccorsi di 118 e vigili del fuoco. Sulla dinamica stanno lavorando gli ispettori dell’Infortunistica della Asl 2 Savonese.