Boselli: "Bozza Bianco? Un pasticcio. Serve solo a Pd e Forza Italia"

Roma - Segretario Enrico Boselli, il Partito socialista è scettico...
«No, non siamo scettici: siamo del tutto contrari. La bozza Bianco è un totale pasticcio».

Eppure si dice che l’accordo sia vicino.
«È quello che sperano Partito democratico e Forza Italia. Ma non si può pensare a una legge elettorale che prende da ogni sistema europeo ciò che avvantaggia soltanto il Pd e, forse, Forza Italia. Sarebbe un accordo non buono per il Paese, l’ennesima legge elettorale che non serve».

Non è velleitario pensare a un accordo che scavalchi Pd e Forza Italia?
«Veltroni ha sbagliato strada. Sono d’accordissimo all’accordo con Berlusconi, d’altronde non sono mai stato giustizialista, né ho mai visto in Berlusconi l’uomo nero, né che si potesse fare fuori per via giudiziaria dalla vita politica del Paese. I giustizialisti stavano nel partito di Veltroni... Detto questo, non si può fare un accordo per introdurre un bipartitismo».

Magari una drastica semplificazione non farebbe male...
«Questa è la terza legge elettorale della Seconda Repubblica, eppure la crisi della politica permane. Qualche dubbio sui sistemi scelti dovrebbe venire. Qui ci troviamo di fronte a due partiti plebiscitari e maggioritari, ma a una Costituzione che resta proporzionalista e parlamentare...».

Nessuna speranza di accordo, dunque?
«Oggi ci sarà la prima riunione del centrosinistra, e credo che l’accordo resti assai distante. D’altronde è persino difficile discutere: siamo oramai al supermarket, nel quale tutti pigliano dagli altri sistemi ciò che più li avvantaggia».

Qual è il sistema migliore, per il Partito socialista?
«Da trent’anni siamo favorevoli al sistema francese e a una riforma semipresidenziale».