Bossi assolto in appello per i fatti di via Bellerio

Assolto Umberto Bossi (nella foto) dalla Corte d’appello di Milano per non aver commesso il fatto per gli incidenti di via Bellerio del 18 settembre 1996. Per Calderoli, Borghezio e Caparini, anche loro imputati di resistenza a pubblico ufficiale, il giudice ha dichiarato l’assoluzione ma per prescrizione. I giudici, nell’emettere il verdetto, hanno accolto le richieste del sostituto pg Ugo Dello Russo, che aveva chiesto l’assoluzione per non aver commesso il fatto per Bossi e la prescrizione del reato per gli altri tre esponenti della Lega. Nel formulare la richiesta, il Pg si è basato anche sulle indicazioni della Cassazione che aveva dichiarato illegittima la seconda fase della perquisizione disposta dalla Procura cioè quella relativa all’ufficio di Roberto Maroni.