Bossi: "Expo? Ci pensi la Fiera di Milano"

Umberto Bossi è certo che l’Expo a Milano si farà, nonostante i forti ritardi organizzativi. Secondo il leader della Lega a Milano c’è una società in grado di organizzare Expo ed è la Fiera (di cui è presidente il leghista Carioni) <br />

La barca Expo rischia di affondare? "É un po’ fuori tempo massimo, ma non salterà" è convinto il leader della Lega Umberto Bossi. Che affonda il coltello, piuttosto, sull’ex amministratore delegato Lucio Stanca, rivelando di esserne stato il «killer». Mentre le istituzioni girano intorno alla questione dei terreni di proprietà di Fiera e famiglia Cabassi, e non hanno ancora risolto la querelle tra acquisto o comodato d’uso, il senatur ribadisce che l’esposizione si farà e "una società in grado di fare quel lavoro c’è e si chiama Fiera di Milano". Il riferimento è a Sviluppo Sistema Fiera, la società di cui è presidente il leghista Leonardo Carioni. Per Bossi, la Fiera può anche aiutare a sbloccare la situazione delle aree dove costruire i padiglioni. L’idea che la Regione comperi le aree attraverso una nuova società non gli piace, ma è favorevole all’ingresso della Fiera nella newco. "La Fiera - ha osservato parlando dei terreni - potrebbe comprarli. Avrebbe senso, Formigoni non ha i soldi". "Meno male - ha aggiunto - che si sono messi a ragionare prima di buttare via un sacco di soldi. Quando c’era da darli a Lucio Stanca" ex ad di Expo spa sostituito un mese fa da Giuseppe Sala, "sono stato io a dire di essere contrario e Tremonti ha bloccato il decreto (per pagargli lo stipendio, ndr). La gente non ha da mangiare e noi diamo un sacco di soldi a Stanca". E ha concluso con una battuta sarcastica: "Stanca? nomen omen", ossia il destino nel suo nome. Battute a cui non poteva mancare la replica dell’ex numero uno. "È risaputo - ha affermato Stanca - che Bossi era contrario a Expo. Ora parla di Sviluppo Sistema Fiera perchè la Lega è ampiamente presente in quella società. È la dimostrazione che attorno a Expo c’è una battaglia politica e di potere". Alle affermazioni del leader leghista che ha precisato di avere bloccato il decreto "quando c’era da dare i soldi a Stanca", l’ex ad ha replicato: "Non li dava a me ma all’Expo.I mancati finanziamenti forse sono la causa dei ritardi di cui parla anche Bossi". Infine sulla battuta "Stanca? nomen omen" ha dichiarato: "Bossi poteva evitare battute facili su un ex collega di governo". I primi tredici mesi di Expo spa registrano una perdita di 8,3 milioni. Analizzando i conti della società tra primo dicembre 2008 e 31 dicembre 2009, tra le varie voci emergono spese per 2,2 milioni di euro. A fronte di queste spese, i ricavi sono stati di 90mila euro come è normale per una società che inizierà a incassare solo con l’approssimarsi del 2015, quando inizierà a vendere gli spazi per l’evento.