Bossi: federalismo, conteremo amici e nemici

Il leader della Lega a Venezia: vedrete che tutti scopriranno che il federalismo è gentile, il paese ha bisogno di futuro e ilo futuro è questo, i nemici lo saranno per sempre

Venezia - "Vedrete che adesso tutti scopriranno che il federalismo è gentile". Lo ha detto tra gli applausi Umberto Bossi dal palco di Venezia, dove il popolo della lega è confluiti per la "Fetsa dei popoli padani". Ci sono ancora molti che sperano che si torni alla Prima Repubblica, al passato, ma il Paese ha bisogno di futuro e il futuro è rappresentato dal federalismo fiscale". "Il federalismo è passato in Consiglio dei ministri e adesso arriva nelle commissioni dove significa molto e poi in aula, dove si fa finta di non litigare perché la gente vede: comunque lì conteremo amici e nemici e i nemici lo saranno per sempre".
Umberto Bossi, come tradizione, ha concluso il suo intervento con la cosiddetta cerimonia dell'acqua, versando nel mare di Venezia un'ampolla di acqua del Po. Ampolla a cui quest'anno per la prima volta se ne sono aggiunte altre due: una con acqua del fiume Tagliamento, che attraversa il Friuli, e una con acqua 'veneta' del fiume Piave.