Bossi: "Prodi deve andarsene a casa, elezioni subito"

Il leader della Lega: "L’Unione è spaccata al
proprio interno e ha perso il senso della realtà. Oggi dobbiamo solo ascoltare le ragioni dei cittadini, che
vogliono una Cdl unita e forte. Solo Berlusconi può tenerci uniti, di lui mi fido"

Milano - "Prodi deve andarsene a casa, elezioni subito". Il leader della Lega Umberto Bossi torna a chiedere nuove elezioni. "L’Unione è spaccata al proprio interno - sottolinea Bossi - e ha perso il senso della realtà: Prodi si dimetta e andiamo a nuove elezioni. Oggi dobbiamo solo ascoltare le ragioni dei cittadini, che vogliono una Cdl unita e forte. Solo Berlusconi può tenerci uniti, di lui mi fido".
Bossi interviene anche sulla legge elettorale che, a detta sua, "va bene così com’è", e aggiunge: "I cittadini vogliono risposte su tasse, federalismo, sicurezza, immigrazione e famiglia: temi su cui nessun accordo col centrosinistra è possibile".

La legge elettorale "va bene così com’è, non perdere tempo su ciò che alla gente non interessa. I cittadini vogliono risposte su tasse, federalismo, sicurezza, immigrazione e famiglia: temi su cui nessun accordo col centrosinistra è possibile", sottolinea. A proposito del referendum sulla riforma elettorale il leader della Lega taglia corto: "Non lo temo". Il leader del Carroccio difende anche la legge sull’immigrazione che porta il suo nome e quello di Fini: "Adesso ce la vogliono copiare in tutta Europa".