Bossi sulle pensioni: "La scelta spetti alle donne" Bonaiuti apre: "Sì al dialogo con le parti sociali"

&quot;Devono essere le donne a scegliere&quot;. Lo ha detto il ministro per le Riforme Umberto Bossi commentando le ipotesi sull’innalzamento dell’età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Rosi Mauro: &quot;Ci vada l'Europa in pensione a 65 anni&quot;<br />

Roma - Il Senatùr non ci sta. L'innalzamento dell'età pensionabile per le donne nel pubblico impiego non gli va giù. "Devono essere le donne a scegliere". Ha tagliato corto così il ministro per le Riforme Umberto Bossi commentando la proposta caldeggiata dall’Europa. Sull’emendamento alla legge comunitaria, che potrebbe essere presentato dalla senatrice Cinzia Bonfrisco (Pdl), Bossi dice: "Vedremo". E poi chiosa con una battuta fra il serio e il faceto: "In Aula ci azzufferemo". Poi si corregge: "Discuteremo".

La scelta deve essere loro Bossi ha parlato delle pensioni nel pubblico impiego a margine dei lavori in Senato sulle quote latte, rimarcando che la Lega in questa materia "è per la libera scelta delle donne". Ci possono essere donne che vogliono andare in pensione dopo, ha spiegato, ma la scelta deve essere la loro.

Rosi Mauro: "Vada l'Europa in pensione a 65 anni" A dare man forte al leader della Lega anche Rosi Mauro che aggiunge: "Vada l’Europa in pensione a 65 anni. Non ci piacciono le imposizioni di stampo europeo, che poco conoscono la realtà del nostro Paese". E Rosi Mauro ribadisce che se verrà presentato all’Aula del Senato un emendamento della maggioranza alla Comunitaria, per innalzare la pensione delle donne nel pubblico impiego, rispondendo al richiamo dell’Europa, "ci sarà da discutere".

Bonaiuti: "Accordo con le parti sociali"
"Ci sono due esigenze da contemperare: da un lato l’Europa insiste sull’uniformare l’età pensionabile di uomini e donne, dall’altro le donne avevano una prospettiva di vita lavorativa e la vedono cambiare". Così risponde il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti, intervenuto stamane a Unomattina, alla domanda sulle intenzioni del governo in merito all’innalzamento dell’età pensionabile delle donne. "Io sono d’accordo con le dichiarazioni del ministro Sacconi: tutto si risolve sempre dialogando, e quindi, sottolinea, sono favorevole a un dialogo con le parti sociali su questo".