Boston, allarme attentati ma è una trovata pubblicitaria

Decine di circuiti elettrici e intrecci di fili diffusi per la città. Segnalazioni dei cittadini, controlli di polizia e artificieri. Fino alla rivelazione della rete tv Cartoon Network: "E' una campagna pubblicitaria". L'autore è stato arrestato

Boston - Più di dieci pacchi sospetti. Contenenti materiale elettronico. In un attimo le segnalazioni dei cittadini sono arrivate alla polizia. Nel capoluogo del Massachussets in poche ore si è scatenato il panico (guarda le immagini). Strade, ponti, una stazione della metropolitana, un centro medico e una parte del fiume Charles sono stati chiusi alla circolazione e al pubblico. Un crescere della tensione e del panico fino all'intervento delle squadre di artificieri che si sono trovati di fronte al rompicapo di circuiti elettrici. A riportare la calma ci ha pensato la rete televisiva via cavo Cartoon Network rivelando che si trattava di una campagna promozionale per uno dei suoi cartoni animati.

Reazioni Il presunto autore della beffa, Peter Berdovsky, 29 anni, è stato arrestato con l'accusa di turbativa dell'ordine pubblico e di aver provocato un falso allarme. Lo ha riferito il ministro della giustizia del Massachusetts, Martha Coakley, nel corso di una conferenza stampa. "È una beffa, ma non è divertente" ha dichiarato il governatore del Massachusetts, Deval Patrick. Il gruppo Turner Broadcasting, proprietario della rete via cavo Cartoon Network, ha riconosciuto che gli ordigni (inoffensivi) erano stati seminati dalla sua filiale nel quadro di una campagna di promozione del cartone animato "Aqua Teen Hunger Force" trasmesso in serata.

Le finte bombe Gli oggetti mostravano un personaggio che faceva un gesto osceno. "I pacchetti in questione sono lampade magnetiche che non presentano alcun pericolo" ha precisato il gruppo Turner in un comunicato, ricordando che oggetti simili erano già stati diffusi da due o tre settimane in una decina di città: Boston, New York, Los Angeles, Chicago, Atlanta, Seattle, Portland, Austin, San Francisco e Filadelfia.