Botta e risposta dopo il 90’ Amauri salva Colantuono

Palermo. Tutto nei cinque minuti di recupero, due lampi ad illuminare una partita noiosa. Al 92' segna Amoruso, forse in fuorigioco, su lancio di Ceravolo che a centrocampo aveva vinto un contrasto; al 94' la replica di Amauri, di testa in tuffo, gol bellissimo, su cross di Jankovic. Amauri salva forse la panchina di Colantuono, allenatore di un Palermo che non sa più vincere (sconfitto ad Empoli domenica scorsa ed eliminato giovedì dalla Coppa Uefa).
Ormai i difetti di questo Palermo sono chiari, manca un uomo come Corini, il suo vecchio capitano, capace di illuminare il gioco e dettare i tempi delle ripartenze. Ne viene fuori un gioco fatto di mille passaggi inutili e quando le punte ricevono palla sono ormai chiuse dagli avversari. Di contro la Reggina ha giocato una gara ordinata ed efficace. Nel primo tempo il Palermo ha avuto almeno tre occasioni gol, ha preso un palo ma non ha entusiasmato per il suo gioco. Meglio la Reggina nella ripresa. Il risultato alla fine è giusto.