Botte alla figlia che indossa i jeans

Non voleva che la primogenita si vestisse all’occidentale, indossando jeans e magliette attillate e truccasse il viso con fard e rossetto; ma neppure le botte hanno impedito alla figlia di un immigrato marocchino, in Italia da 11 anni, di rivolgersi ai Carabinieri per denunciare l’accaduto. All’uomo, che fa l’operaio e risiede ad Arzegrande (Padova) il Tribunale dei minori di Venezia ha già revocato la patria potestà, stabilendo che la figlia, oggi diciassettenne, venga ospitata in un istituto religioso. Il provvedimento, contro il quale l’immigrato ha presentato ricorso, sarà discusso il 13 marzo davanti alla Corte d’appello. Ma l’uomo dovrà comparire il 25 giugno anche dinanzi al giudice monocratico per rispondere delle accuse mossegli dalla figlia, che frequenta un istituto tecnico padovano.