Botte alla nonna, la salva la nipotina

La ottantenne picchiata dal figlio che voleva soldi

Temendo la tragedia che si stava consumando fra le mura domestiche è scesa di corsa e con tutto il fiato che aveva ha bruciato a piedi in un niente quel chilometro che separava la casa della nonna, dalla caserma dei carabinieri: «Correte - ha supplicato in lacrime la bambina di nove anni - mio zio la sta uccidendo». Ed infatti, pochi minuti dopo, quando i militari hanno varcato la soglia dell'alloggio di via 25 aprile ad Arese, si sono imbattuti in una scena raccapricciante: a terra la pensionata di 80 anni; addosso il figlio trentacinquenne che in preda ad un raptus di follia continuava a tempestarla con pugni e schiaffi, per farsi avere il denaro che gli serviva per acquistare la droga. Il coraggioso intervento della bimba ha così evitato il peggio: dopo aver immobilizzato il giovane violento, i carabinieri hanno soccorso la pensionata, finita successivamente in ospedale. Nel frattempo sono scattate le manette ai polsi di R.M. tossicodipendente e padre di due figli avuti con donne diverse. L’uomo, già per due volte era stato allontanato dalle rispettive compagne per la violenza che caratterizza le sue crisi di astinenza. Sabato sera se l’è presa con la madre.