Botte da orbi e muscoli da far paura con John Cena reduce dall’Irak

John Cena è per gli amanti del wrestling quello che Kaka è per gli appassionati di calcio. Una premessa indispensabile per introdurre il suo debutto cinematografico con Presa mortale. Cena è un marine congedato a forza dopo la guerra in Irak. Tornato a casa gli rapiscono la moglie e lui entra in azione. Sic et sempliciter. Eppure si esce dal film senza provare vergogna, come capita spesso con prodotti ben più ambiziosi. Un b-movie svelto, indolore e divertente, anche se l’humor non sembra far parte del repertorio dell’atleta-attore. Gamba corta, busto allungato e braccia monumentali, il nostro Cena mena botte da orbi, si rotola, combatte e vince con simpatica improntitudine. Un prodotto rasserenante dopo gli horror e l’impegno, tutto da una parte, dei docufilm imperversanti, assieme alle commedie studentesche che ormai ci «scamarciano» grandiosamente.
PRESA MORTALE (USA -2006) regia di di John Bonito con John Cena, Robert Patrick Durata: 90 minuti