Botte in via Torre: quattro arrestati

Calci, pugni, schiaffi. E adesso qualcuno comincerà a dire che a Milano ci si picchia tutti giorni, magari più volte al giorno. Domenica sera, infatti, qualcuno ha visto anche agitare un ombrello in aria. È accaduto tutto in una manciata di minuti prima delle 20, in via Carlo Torre (al Ticinese) dove, tanto per cambiare, è scoppiata l’ennesima rissa tra extracomunitari. Quattro clandestini, anche stavolta boliviani, di 27, 28, 30 e 34 anni, sono stati arrestati dalla polizia dopo che se l’erano date di santa ragione in mezzo alla strada. Secondo le ricostruzioni degli agenti delle volanti intervenute sul posto, la rissa, che ha coinvolto tra sette o otto persone - tra cui una giovane, il suo attuale fidanzato e l’ex - è iniziata per motivi di gelosia. Tra gli arrestati, anche la stessa donna, una 29enne, che è stata vista difendersi con un ombrello. All’arrivo della polizia, gli altri coinvolti sono riusciti a scappare.
Qualche settimana fa un’altra rissa tra sudamericani, particolarmente alticci, era scoppiata sempre al Ticinese. Stavolta i protagonisti erano tutti uomini, naturalmente fuggiti a gambe levate all’arrivo della polizia. Che, a quel punto, non ha potuto identificare nessuno.