Bourdy, il primo colpo

Exploit del francese che rompe il ghiaccio del Tour europeo aggiudicandosi
sul percorso del Pula
Golf Club il Mallorca
Open. L'azzurro Tadini delude (120°) e dovrà fare appello alle qualificazioni

Settimana europea all’insegna del «vive la France ». Gregory Bourdy, venticinquenne di Bordeaux ha vinto il suo primo torneo sull’European Tour aggiudicandosi sul percorso del Pula Golf Club il Mallorca Open dotato di due milioni di euro di montepremi ed ultima prova prima del Volvo Masters di Valderrama che vedrà in campo da giovedì (diretta su Sky Sport Extra dalle ore 13) i migliori 60 professionisti della stagione.

A Maiorca Bourdy - come gli altri in campo - ha dovuto vedersela oltre che con il percorso con condizioni atmosferiche non certo ideali ma alla fine con un bel giro in 67 colpi, per un totale di 12 colpi sotto il par, il francese è riuscito ad avere la meglio - per due lunghezze - nei confronti dell’inglese Sam Little anch’egli autore di un round finale in 67 ma che si è consolato risalendo dalla 103ª posizione tra i primi 15 che hanno ottenuto la «carta» per giocare sul Tour nel 2008. Al terzo posto l’olandese Robert Jan- Derken davanti allo scozzese Forsyth.

Bourdy è il diciottesimo giocatore ad aver vinto quest’anno il suo primo torneo e i 333mila euro di prima moneta gli hanno fruttato un posto anche per Valderrama. Anche il nostro Francesco Molinari con il 21˚ posto a Maiorca sarà presente - quale 60˚ nell’ordine di merito - al gran finale in Andalusia. Emanuele Canonica, dopo la bella prova di dieci giorni fa in Portogallo ed il 59˚ posto a Maiorca ha conservato la carta per la prossima stagione mentre, purtroppo, dovrà fare appello alle qualificazioni Alessandro Tadini terminato al 120˚ posto e a corto di appena 2.533 euro per rientrare nei primi 115.

In campo femminile Vittoria Valvassori giungendo decima nel torneo di qualificazione per il Ladies European Tour ha portato a casa la carta per giocare a tempo pieno sul circuito l’anno prossimo insieme alle altre azzurre quali Stefania Croce, Veronica Zorzi, Diana Luna, Federica Piovano, Sophie Sandolo, Margherita Rigon ed Anna Rossi. La qualificazione finale giocatasi con grande successo organizzativo sul percorso delle Fonti a Castel San Pietro nei pressi di Bologna, ha altresì decretato l’ammissione ad alcune gare del Tour di Isabella Maconi e Barbara Tarusso che hanno superato il taglio dopo le prime 54 buche ma sono giunte poi rispettivamente 31ª e 52ª. È stata questa la prima volta che una finale per le qualificazioni del Ladies Tour si è svolta in Italia e vista la validità del percorso e la buona riuscita organizzativa non sarà certo l’ultima per il circolo emiliano.

Così come - per tornare al Challenge Tour maschile - ci sono sin d’ora tutte le premesse che il gran final resti al San Domenico per i prossimi tre anni, il che va a tutto vantaggio e merito del golf italiano e del suo crescente prestigio in ambito europeo. Lo svedese Daniel Chopra ha conseguito il primo titolo nel PGA Tour imponendosi nel Ginn sur Mer Classic, disputato sul tracciato del Tesoro Club di Port St. Lucie in Florida. Il trentaquattrenne nativo di Stoccolma con un birdie alla buca 16 ha preso un colpo di vantaggio decisivo sul connazionale Fredrik Jacobson e sul giapponese Shigeki Maruyama.

Al quarto posto con 276 Dicky Pride, al quinto con 279 Cameron Beckman,KenDuke, Sean O'Hair e Charlie Wi. Al 26˚ con 285 Justin Leonard. L'argentino Angel Cabrera, infine, ha vinto il Torneo de Maestros, uno dei più importanti tornei dell'America Latina disputato sul percorso dell'Olivos Golf Club a Buenos Aires, in Argentina. Ha battuto alla prima buca di spareggio il connazionale Ricardo Gonzalez, con il quale aveva terminato alla pari le 72 buche. Al terzo posto con 281 Daniel Vanczik, al quarto con 282 Sebastian Saavedra, al quinto con 284 Rodolfo Gonzalez.