Bozza federalismo, ineleggibili i sindaci in rosso

La bozza del decreto attuativo del federalismo: ineleggibilità per 10 anni per i sindaci o i presidenti di provincia che mandano in dissesto l'ente amministrato. Per incentivare il contrasto all'evasione fiscale il 50% delle somme riscosse andrà a regioni e province<br />
<br />

Roma - Ineleggibilità per 10 anni dei sindaci e dei presidenti di provincia che mandano in dissesto l’ente da loro amministrato. Lo prevede la bozza del decreto attuativo del federalismo fiscale che ha avuto oggi l’ok preliminare del Cdm. 

Evasione fiscale "Per potenziare l’azione di contrasto all’evasione fiscale, la partecipazione delle regioni e delle province all’accertamento fiscale è incentivata mediante il riconoscimento di una quota pari al 50 per cento delle maggiori somme relative a tributi statali riscosse a titolo definitivo, a seguito dell’intervento della regione o della provincia che abbia contribuito all’accertamento stesso". Per quanto riguarda i Comuni è già previsto nel decreto sul fisco municipale che una quota delle maggiori entrate da lotta all’evasione fiscale vadano ai municipi che contribuiscono.