Bpi è al 5,91% di Rcs

Il 3,453% di Rcs, oggetto di un patto tra Bpi e Giuseppe Rotelli, è intestato alla Ubs Fiduciaria e non a Sirefid, fiduciaria del gruppo Banca Intesa. Lo hanno comunicato alla Consob la banca lodigiana e il re della sanità milanese. Bpi ha quindi il 5,91% di Rcs, di cui il 3,453% intestato per conto terzi a Ubs Fiduciaria. La quota è governata appunto da un patto «put& call» tra la Pandette Finanziaria di Rotelli e la banca, esercitabile alla scadenza, tra il 24 e il 27 febbraio 2009.