Bpi decide di non decidere Rinvio per la scelta dei partner

Forse la decisione la prossima settimana. Intanto il cda approva i conti semestrali, tornati in utile grazie alla cura Gronchi

da Milano

Come ci si aspettava, Bpi ha deciso di non decidere. Il consiglio d’amministrazione di ieri ha affrontato solamente i conti del semestre, migliorati grazie alla cura Gronchi, rimandando ad altra data - forse già la prossima settimana - il dossier aggregazioni, con la prima selezione che ridurrà da quattro a due i candidati alle nozze con l’istituto lodigiano.
Non erano neppure presenti, a quanto si è appreso, gli advisor Mediobanca e Rotschild, ai quali spetta l'esame delle proposte delle banche.
Continua a pesare dunque il sistema di veti incrociati che da giorni fa segnare il passo a una trattativa che in un primo tempo era sembrata procedere speditamente. Secondo fonti finanziarie, sarebbero avvantaggiate Popolare di Milano e Popolare Emilia Romagna. Quest’ultima in particolare, per la sua natura «federativa», riscuoterebbe il consenso dello zoccolo duro dei soci lodigiani, in quanto garantirebbe l’autonomia e il mantenimento dell’identità locale. La mancata selezione, peraltro, complica la vita a Bper, costretta a giocare su due fronti: Bpi e Popolare Intra, altra possibile «sposa» per la banca emiliano-romagnola.
Restano ancora in partita anche Bpu e Popolare Verona e Novara, che proprio ieri hanno deciso di mettere le carte in tavola, ufficializzando i rispettivi progetti per le nozze con la banca lodigiana. L’istituto bergamasco ha proposto una aggregazione secondo delle «linee guida strategiche» volte alla creazione di un «gruppo bancario federativo, polifunzionale e integrato». In particolare il progetto di Bpu prevede la «promozione di un modello federativo puro» che «valorizza la forza distributiva delle banche rete e salvaguarda l'identità dei marchi e le autonomie locali, sotto la guida di una capogruppo responsabile delle strategie, dell'integrazione e dei controlli». Dal canto suo, l’ad di Bpvn, Fabio Innocenzi, ha spiegato così le sue intenzioni al Sole 24 ore: «Ci presentiamo con una proposta aperta, senza vincoli sulla governance o su altro. Pensiamo a una casa comune, da costruire assieme».
Intanto, il consiglio di Bpi ha salutato il ritorno all’utile: 92 milioni, anche grazie alle dismissioni, contro la perdita di 181,6 di un anno fa. Le mosse messe in campo dall'ad Divo Gronchi e dal direttore generale Franco Baronio nel piano industriale 2006-2009 mostrano i loro effetti: la banca, pur scontando ancora le scelte di Fiorani nella spregiudicata gestione finanziaria, sta effettuando il suo riposizionamento verso l'attività tradizionale e verso i clienti come famiglie e pmi. L’attività commerciale è in ripresa: la nuova produzione di mutui residenziali è in crescita del 26% mentre le nuove erogazioni di credito al consumo sono aumentate del 22,5% e la produzione di bancassurance del 13%. Dal punto di vista patrimoniale la banca ribadisce come, grazie all'aumento di capitale chiuso ad agosto e alla riduzione dell'attività di rischio, gli indici di solidità sono su livelli adeguati con il Core Tier1 al 7,4%.