Bpi e Fiorani avviano una transazione

Oggi i legali delle due parti si incontrano a Milano

da Lodi

Si terrà oggi, a Milano, il primo incontro tra i legali della Banca Popolare di Lodi dello studio Rescigno e i rappresentanti di Gianpiero Fiorani dello studio Apicella-Sozzi di Lodi. Scopo: avviare l’attesa transazione in relazione ai danni patrimoniali che l’istituto di credito vanta nei confronti dell’ex amministratore delegato per chiudere la vicenda dell’azione di responsabilità voluta dai soci Bpi e ora passata «in eredità» al Banco Popolare. Risulta che Fiorani sarebbe pronto, nell’ambito dell’intera operazione e a buon esito della notifica dell’azione di responsabilità, a chiamare in causa chi ritiene corresponsabile dei danni che la banca rivendica, come altri esponenti dell’allora management ma anche collaboratori o amministratori di società controllate. La volontà dell’ex ad risulta essere, soprattutto, quella di blindare la transazione, convocando allo stesso tavolo tutti i soggetti fisici e giuridici con titolo attivo e passivo per richiedere danni: per scongiurare che dopo questa transazione ne arrivino altre. Divo Gronchi commenta cordiale: «Una soluzione andrà trovata. La disponibilità della banca c’è sempre stata».