Bpm ancora giù Bene Enel e Terna

Seduta positiva per Piazza Affari (Ftse Mib +0,69%) in linea con l’andamento dei listini europei, rassicurati dall’indice Zew sulle prospettive dell’economia tedesca e dall’esito dell’asta spagnola di titoli di Stato, oltre che dal buon andamento di Wall Street. L’annuncio di Aabar, socio al 4,99%, di voler aumentare il proprio peso al 6,5%, mette le ali a Unicredit (+2,8%), unica banca con Intesa Sanpaolo (+0,72%) a concludere in rialzo nel paniere principale. Pesanti invece Bper (-2,72%), maglia nera nel Ftse Mib, Bpm (-2,35%) e Mediobanca (-1%). Giornata in forte crescita per Enel (+2,43%) insieme a Terna (+1,76%), Fiat (+1,97%) e Pirelli (+1,45%), in linea con il comparto auto europeo. Debole invece Telecom Italia nonostante i buoni dati della controllata Tim Brasil -1,71%. L’avvicinarsi degli aumenti di capitale pesa ancora su Fonsai (-4,5%) e Unipol (-2,42%), ma le vendite non risparmiano nemmeno la Milano (-3,94%) e Premafin (-3,16% a 0,32 euro). Chiusura positiva per le principali Borse europee: Londra +0,65%, Francoforte +1,82% e Parigi +1,4%.