Br, Prodi: "Fenomeno non sradicato"

Il premier sull'operazione antiterrorismo: "Bisogna rimanere vigili, anche in futuro". E chiede ai sindacati "maggiore sorveglianza"

New Delhi - "Guai, guai, guai abbassare la guardia, sono in accordo totale con Amato: c'è soddisfazione per ciò che si è fatto, ma anche preoccupazione perché occorre rimanere vigili finché questo fenomeno non è stato del tutto sradicato». Il presidente del Consiglio Romano Prodi torna a commentare così l'operazione antiterrorismo che ha assicurato alla giustizia altri brigatisti.  Prodi ha anche sottolineato che bisogna essere "vigilanti adesso e forse anche a lungo nel futuro". Il premier, sollecitato dalle domande nel corso di una conferenza stampa alla ambasciata italiana di New Delhi, a chi gli ricordava le contiguità della lotta armata in particolare con i sindacati che emergono dai profili di alcuni degli arrestati, non si è tirato indietro. "Certo questo è un elemento preoccupante - ha detto - è chiaro che dovranno esercitare una sorveglianza molto più forte, molto più attenta. Credo che la cosa sia giunta come una sorpresa anzi è giunta come una sorpresa ai sindacalisti stessi. Anche qui il problema va risolto con una analisi e una sorveglianza molto più forte".