Bracciali che abbracciano Sono i support delle charity

Ci sono sogni che non si realizzano mai e altri, che, per volontà e tenacia, arrivano subito in porto. Uno di questi è il progetto «Hu4me» (significa «Hug umanity for me», abbraccia l'umanità per me) creato dalla giovane Serena Fumaria. Una serie di braccialetti in tessuto colorato, personalizzati da un simbolo in metallo, che lei intreccia uno per uno e lancia sul web perchè trovino una causa da sposare. Così la serie invernale, in cashmere o lycra elasticizzata, ha sostenuto una volta la lotta alla fibrosi cistica, un'altra l'AiBi, l'associazione amica dei bambini o la onlus Amo di Massimo Oddo. I prezzi? «Variano dai 15 ai 35 euro, una parte va sempre in beneficienza e quando organizziamo un evento charity, ossia le organizzazioni mi contattano sul sito www.hug4me.com per promuovere un'inziativa, il ricavato è donato al 100%». I bracciali sono in vendita sul sito o nei negozi specializzati, sono unisex, fatti a mano («li intreccio tutti io, per l'estate ho preparato modelli coloratissimi in cotone strech, presto mi cimenterò con la seta», promette). Il ciondolo è in metallo anallergico, cuori, teschi e via libera alla fantasia. Su e-Bay è in corso un'asta in collaborazione con Panini: in vendita magliette firmate da vari calciatori e braccialetti hu4me, il ricavato sosterrà la Divina Misericordia, associazione che assiste i senza tetto di Milano.