Braccio di ferro sindacati-Viola

Popolare Milano

Ribadire «la validità del modello cooperativo in generale e del modello-Bpm in particolare», sottolineando che il «no» a Bper è stata «una decisione autonoma del cda». Queste, secondo quanto ricostruito ieri da Radiocor, le linee guida del documento approvato all’unanimità dal direttivo dei dipendenti-soci Bpm. Il testo non ha tuttavia ancora ricevuto tutti gli assensi necessari e quindi è suscettibile di modifiche. Dettagli a parte, il documento appare il modo prescelto dai sindacati per mostrare i muscoli dopo che il direttore generale Fabrizio Viola ha anciticipato ai fondi Usa l’idea di ritoccare il piano industriale di Bipiemme tagliando una parte del personale in eccesso così da controbilanciare l’impatto delle nuove normative.